Back to top

Energia solare: a Massa Martana la centrale elettrica più avanzata

energia solare centrale

 

Realizzata da Archimede Solar Energy del Gruppo Angelantoni e da Chiyoda Corporation, è' la centrale elettrica ad energia solare più avanzata di tutte. E' stata inaugurata oggi 3 luglio a Massa Martana in Provincia di Perugia. Presente, tra gli altri, il Ministro dell'Ambiente Andrea Orlando.

La centrale ad energia solare di Massa Martana presenta alcune peculiarità. In primo luogo, si tratta del primo impianto al mondo con sali fusi a 550 gradi. In secondo luogo, utilizza la tecnologia degli specchi parabolici.

L'inaugurazione è stata preceduta dalla firma del protocollo attuativo che ha visto come protagonisti l'ex ministro dell'Ambiente Corrado Clini e Luigi Angelantoni, presidente di Archimede Solar Energy. Insieme alla firma è partito un finanziamento a fondo perduto di circa 1,5 milioni di euro. Giusto per dare la dimensione delle cifre, occorre specificare che la centrale ha un valore complessivo di 6 milioni e rotti.

La centrale è frutto della tecnologia e della tecnologia cinese e, soprattutto, segue a una geniale intuizione del premio Nobel Carlo Rubbio, che per primo teorizzò l'utilizzo dei sali fusi ad altissima temperatura.

La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini ha dichiarato: "Una scommessa importante non solo per l'azienda, ma di grande significato anche per l'Umbria'' ha detto la presidente della Regione Catiuscia Marini. Il progetto rappresenta una scommessa sull'industria che fa della ricerca e dell'innovazione un fattore di sviluppo e di competitivita' sul mercato globale, lungo la strada di quella 'green economy' che unisce in un unico nesso, in un'unica filiera virtuosa, scienza, lavoro, impresa, sviluppo economico e sostenibilita' ambientale. E' una scommessa sul futura una voglia di futuro sostenuta da una grande visione. La realizzazione di questa centrale ci riempie di orgoglio e ci conferma nella fiducia sulle risorse, le eccellenze, le energie positive che esistono in Umbria e in Italia, e costituiscono la vera garanzia per l'uscita dalla crisi e la ripresa dell'economia".