Back to top

Energia, in Valle d'Aosta la scuola a consumi zero

In Valle d'Aosta sarà realizzata la prima scuola a consumi ed emissioni zeroIl mondo di domani sarà guidato dai bambini di oggi ed è quindi più che naturale che a loro debba essere fatto capire quanto il nostro pianeta abbia bisogno di pratiche che vadano nella direzione del rispetto ambientale e del risparmio energetico. La scuola in questo dovrebbe essere maestra di vita oltre che di studi, ecco perché la notizia che arriva dalla Valle d'Aosta non può che far piacere: nel comune di Charvensod è in cantiere la realizzazione della prima scuola a consumo energetico zero e senza emissioni di anidride carbonica. L'amministrazione del comune valdostese ha, infatti, dato il via alla ristrutturazione dell'edificio scolastico che servirà a far risparmiare alle casse comunali 45mila euro l'anno, ma non solo: perché il comune potrà anche cedere l'energia eccedente al gestore della rete e aumentare così le entrate.

Il progetto sarà finanziato dalla Regione Valle d'Aosta con l'esborso di 347mila euro e prevede come primo passo l'isolamento esterno. In un secondo momento sul tetto verranno installati i pannelli fotovoltaici mentre i serramenti saranno dotati di tripli vetri. Il riscaldamento e raffredamento dell'edificio sarà poi assicurato da un sistema alimentato da pompe di calore. I lavori dovrebbero partire entro il mese di giugno del 2013 e, secondo le parole del sindaco Ennio Subet, non resterà l'unico edificio a consumo e emissione zero del comune.

Una volta completati i lavori, la scuola diventerà una sorta di museo vivente, visto che è previsto un percorso didattico che servirà ad avvicinare i ragazzi alle fonti rinnovabili e al risparmio energetico: l'istituto diventerà quindi l'esempio di come si può agire per salvaguardare l'ambiente (e le finanze) creado quindi i presupposti per un futuro dove il pianeta potrà finalmente respirare, pensato con un'attenzione particolare verso le energie rinnovabili, verso la riduzione di emissioni di anidride carbonica e verso l'abbattimento degli sprechi di energia.