Back to top

Ecosistema, Sempre Meno Api In Giro : Qual E' La Causa?

Da anni ormai ci sentiamo ripetere che di api ce ne sono sempre di meno, e che il rischio per l'ecosistema è molto alto. Dal 1965 ad oggi, infatti, nell'Europa centrale, il numero di alveari si è ridotto in maniera drammatica. Secondo i ricercatori le api da miele, come anche le api selvatiche e le mosche bianche, stanno letteralmente lottando per la sopravvivenza.


ecosistema


Per l’equipe di scienziati i risultati evidenziano un imminente collasso del sistema dell'impollinazione che avrà conseguenze catastrofiche anche nelle coltivazioni. Ma quali sono le cause di questa "strage"?


- Ecco un'ipotesi: i cellulari. Un’interessante ricerca condotta da Daniel Favre, un tempo ricercatore allo Swiss Federal Institute of Technology, ha rivelato che le api impazziscono a contatto con i segnali del cellulare. Lo studioso ha monitorato il comportamento degli operosi insetti collocando un telefonino nei pressi dell’arnia: se il cellulare non era in stand-by ma in funzione per una chiamata le api sembravano impazzire ed emettevano simultaneamente il segnale di pericolo, quello prodotto prima di sciamare, ossia di migrare dal proprio alveare per andare a costruirne uno nuovo, in un luogo più sicuro. Eppure, nonostante il segnale le api non si allontanavano dalla loro arnia, anche dopo un’esposizione di 20 ore di onde elettromagnetiche. Come ha spiegato lo studioso, questo disturbo dell’attività delle api potrebbe essere fra le cause della scomparsa delle api in tutto il mondo.


- Secondo altri, la causa sarebbe nei pesticidi. Le api si nutrono di polline contaminato da ben 70 tipi diversi di disserbanti chimici, il che provocherebbe una diminuzione nella produzione di miele, nonchè un abbassamento della qualità del prodotto.


- Secondo altri ancora, il nemico delle api sarebbe l’acaro. Nello specifico la varroa, un acaro parassita di colore rossastro. A svelarlo è il rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep): questo ragnetto si attacca all’addome delle api e si nutre dei fluidi vitali dell’operoso insetto. Il parassita, in tutte le sue fasi, diffonde nelle arnie pericolosi virus e batteri che se non individuati in tempo, mettono a rischio l’intera colonia, causando la morte di tutte le api. Le più colpite sono proprio le api da miele dei Paesi Occidentali.


Qual è dunque la verità? Probabilmente si tratta di una somma di vari fattori, certamente tutti facenti capo al mondo sempre più industrializzato e inquinante, che mina la vita di questi insetti.