Back to top

Differenziata: Milano introduce l'umido

Differenziata dell'umido a Milano

Milano fa un passo avanti sul fronte raccolta differenziata. A partire dal 26 novembre, infatti, partirà la differenziata dell'umido. E' la seconda metropoli (la prima è stata Torino) ad "adottare" l'umido. E' un risultato importante, visto che le grandi città, in genere, faticano ad allinearsi agli standard richiesti, vuoi per motivi di organizzazione o per un amministrazione più attenta a problemi di sicurezza che non a quelli ambientali. Milano, infatti, non solo è stata battuta sul tempo dalla città della Mole, ma anche da duemila comuni di piccola e media grandezza.

La differenziata dell'umido partirà, per ora, solo in un quarto della città, precisamente nella prozione di territorio che va dal quartiere Brera al quartiere Lorenteggio. Ai cittadini e ai negozianti già da qualche giorno viene distribuito tutto il "materiale" necessario: un secchiello forato dove porre l'umido e un cassonetto condominiale con la stessa funzione. Entrambi saranno di colore marrone.

La novità del secchiello forato sta suscitando qualche perplessità tra la cittadinanza. Ricordiamo, infatti, che nell'umido vanno tutti i rifiuti organici, dunque i residui di cibo come carne, pesce, uova, formaggio e altre sostanze che si decompongono con rapidità. Il timore è il seguente: i fori del secchiello forato causeranno nell'ambiente lo spargimento di odori sgradevoli o, peggio, la fuoriuscita del marciume? A dissipare i dubbi, però, è stato Andrea Poggio, vicedirettore di Legambiente. Ecco cos'ha dichiarato a Repubblica: "L'ambiente areato permette di fare evaporare l'acqua contenuta nelle sostanze organiche senza produrre odore e muffe. Il sacchetto può essere di carta o bioplastica. Così raccolto l'organico può resistere senza macerare anche 4-5 giorni".

Andrea Poggio ha anche raccontato che fine farà l'organico e ha descritto, in estrema sintesi, il processo di creazione dell'energia: "Tramite, invece, un processo di digestione anaerobica, l'organico viene fatto 'maturarè in un ambiente ermetico e con il tempo - riproducendo un fenomeno che in natura, per esempio, è quello dei fuochi fatui - produce biogas, pronto per essere bruciato, produrre energia elettrica e calore ed essere utilizzato come combustibile per le auto".