Back to top

Differenziata a Parma: in alcune zone si vanifica il lavoro dei cittadini

Indifferenziata e Organico

Un caso avvenuto a Parma accende il dibattito circa i controlli sulla lunga filiera della differenziata. Il fattaccio è avvenuto in pieno centro, a piazza Benassi (vicino a via Mantova). Ebbene, un operatore dell'Iren, società addetta alla raccolta dei rifiuti, è stato visto da una residente mentre vanificava con un semplice gesto l'attenzione e la cura della cittadinanza. Ha riversato i rifiuti dell'organico nei contenitori dell'indifferenziata, destinando così i rifiuti differenziati all'inceneritore o alla discarica.

La cittadina, indignata, si è rivolti subito al centralino del Comune adibito a segnalazioni di questo tipi (numero verde 800212607) e anche qui si è scoperchiato un nido di vespe. Il centralinista ha infatti rivelato che sono molte le chiamate del genere e che molto spesso gli operatori "mischiano" vanificando la differenziata delle persone.

L'operatore, ripreso da un giornalista locale, si è giustificato dicendo di aver visto un fazzoletto di carta fuoriuscire da un sacchetto posto invece nell'organico e di aver creduto, quindi, di essere di fronte all'errore di un cittadino. La scusa, però, non ha convinto più di tanto e si sta cercando di fare luce su questa presunta (almeno a giudicare dalle parole della centralinista) cattiva abitudine.

L'Associazione Gestione Corretta dei Rifiuti ha commentato con parole di dispiacere e di indignazione l'accaduto a ParmaToday: "Siamo anche noi sgomenti. Tanti cittadini diligentemente si occupano della corretta gestione dei propri rifiuti, collocando ogni materiale nell'apposito cassonetto. E' questo è il ringraziamento per l'impegno profuso? Cosa sta succedendo a Parma? Mentre si sta presentando l'ampliamento della raccolta porta a porta nel centro storico, è assurdo che gli operatori remino dalla parte opposta, distruggendo il lavoro dei cittadini per migliorare il nostro ambiente. Crediamo doveroso che Iren faccia luce immediata sull'accaduto e la cittadinanza sia messa a conoscenza della situazione, non lasciando alcuna ombra attorno all'accaduto".