Back to top

Detrazioni fiscali del 65% confermate per il 2015

detrazioni-fiscali
 

Il Ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi ha confermato per il 2015 le detrazioni fiscali del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica. La novità è stata anticipata dal proprio Ministro in occasione dei festeggiamenti dei 50 anni dell'Autostrada del Sole, svolti recentemente a Campi Bisenzio, vicino a Firenze.

In particolare il Ministro ha dichiarato: «Ci siamo impegnati tutti affinché nella legge di stabilità ci sia questo provvedimento: ciò è quello che serve all’Italia per uscire dalla crisi, con la defiscalizzazione per rimettere in moto con fiducia i consumi dei cittadini e riqualificare un intero patrimonio edilizio. Questa è la strada giusta. Sono certo che nella legge di stabilità questo provvedimento ci sarà e si completerà quindi con il decreto sblocca Italia, che mette 4 miliardi di euro a disposizione».

Va ricordato che la legge n° 147 di dicembre dell'anno scorso prevede una diminuzione delle agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica, dal 65% al 50% a partire dal 1° gennaio 2015. Questo taglio, secondo il Ministro Lupi, non ci sarà più con l’approvazione della nuova legge di stabilità, e così si potrà usufruire della detrazione del 65% anche durante tutto il 2015.

Quest'anno l'ecobonus è valso un ben 2% del PIL; secondo un recente studio del Servizio Studi della Camera e del CRESME (Centro Ricerche Economiche Sociali di Mercato per l’Edilizia ed il territorio), le agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni e la riqualificazione energetica degli edifici esistenti nel 2013 hanno significato per gli italiani una spesa di 27,5 miliardi di euro, in crescita del 40% rispetto al 2012. Fino al 2013 per il recupero edilizio sono state inoltrate 6,3 milioni di domande per un totale di 112,9 miliardi di investimenti, di cui 44,1 utili per le detrazioni.

Solo per il risparmio energetico sono state presentate all’Enea oltre 1.800.000 domande, per una spesa complessiva di 22,9 miliardi di euro di cui 12,9 detraibili. L'ecobonus, inoltre, è stato il responsabile in maniera diretta della creazione di circa 1,35 milioni di posti di lavoro.

Ricordiamo che le detrazioni del 65% sono applicabili sulle singole unità abitative esistenti e non nuovi edifici per una spesa massima di 100mila euro. Sono agevolabili i lavori che permettono il raggiungimento un indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale sotto i limiti già stabiliti. Possono usufruire della detrazione del 65% i singoli cittadini, enti che non svolgono attività commerciale, associazioni tra professionisti, società di persone e capitali, inquilini e coloro che hanno l'immobile in comodato d'uso.

Infine, per risparmiare ancora di più sulla spesa energetica è possibile attivare una nuova offerta energia elettrica e gas del mercato libero le quali, dopo il recente aumento nei prezzi di riferimenti previsti dall'AEEGSI, consentono un risparmio ancora superiore, che possono raggiungere complessivamente i 360 euro all'anno.

Per identificare le migliori tariffe energia elettrica qui è possibile consultare il comparatore gratuito ed indipendente di SosTariffe.it