Back to top

Davos: per la Green Economy servono 10mila miliardi di euro

Davos si tiene ogni anno il forum più importante per quanto concerne le tematiche ambientali, il World Economic Forum. E' una serie di incontri a cui partecipano gli esperti di tutto il mondo e i leader della maggior parte dei paesi. E' insomma un'occasione, che aumenta la sua visibilità di anno in anno, per cambiare veramente le cose.

Da qualche a tempo a questa parte si parla di riconversione dell'economia. E' chiaro a tutti, e condiviso, che il sistema economico attuale sia poco sostenibile e che prima o poi, proseguendo per questa strada, si arriverà al collasso per la fine delle materie prime tradizionali. Peggio ancora, si arriverà al momento in cui "la salute della Terra" risulterà gravemente compromessa e irreversibile. E' meno condivisa, però, l'opportunità di puntare fin dall'inizio sulla Green Economy e sulla riconversione dell'economia in tal senso.

L'anno scorso si è formato un gruppo di "duri e puri" della Green Economy. Il fondatore di questo gruppo, che comunque rimane tutt'ora informale, è l'ex presidente del Messico Felipe Calderone. Il gruppo prende il nome di "Green Grown Action Alleance" (Alleanza  per l'Azione di Crescita Verde).

Il raggruppamento ha enunciato da Davos i costi che saranno necessario qualora, entro due decenni massimo, si volesse seriamente, tutti assieme, riconvertire il sistema economico nel modello sostenibile della Green Economy. Ebbene, si tratta di una cifra strabiliante: 10mila miliardi di euro, qualcosa come cinque volte il debito pubblico italiano e come dodici volte il prodotto interno lordo del nostro paese.

Nonostante la cifra a tredici zeri "l'Alliance" crede che si debba provare a spendere tutto questo denaro. Si tratta, dopotutto, di soli 700 miliardi all'anno (da dividere per tutti i paesi partecipanti). Non proprio una bazzecola, anche se il gruppo ha ricordato che un pianeta più pulita preverrebbe l'insorgere di catastrofi climatiche e farebbe quindi risparmiare un mucchio di quattrini (l'Uragano Katrina è costato agli Usa 50 miliardi di dollari).