Back to top

Curcuma: un elisir di salute

Spesso chiamata Zafferano delle Indie per via del caratteristico colore giallo intenso, la curcuma è una spezia di origine asiatica, ricca di proprietà curative e benefiche. L’India è il maggior produttore di curcuma, che rappresenta uno dei principali ingredienti utilizzati nella cucina tipica del subcontinente indiano.

Il suo impiego risale a sei millenni fa, ad opera dei monaci buddisti che la utilizzavano come colorante e rimedio medico naturale.

Una delle componenti principali della curcuma è la curcumina, dalle note proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, insieme a vitamina C, potassio ed amido.

 


curcuma Curcuma, o Zafferano delle Indie.

 

Proprietà benefiche della curcuma

Le proprietà attribuite alla curcuma dalla medicina ayurvedica sono molteplici e sono state confermate da studi scientifici effettuati in laboratorio.

La curcuma è in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi e funge da antiossidante contrastando gli effetti negativi dei radicali non solo sulla pelle ma anche su fegato, stomaco ed intestino. È inoltre in grado di purificare l’organismo e le proprietà antinfiammatorie rendono questa sostanza utile anche nella cura della psoriasi e malattie della pelle.

La curcuma è anche nota per le proprietà antisettiche, disinfettanti e cicatrizzanti, ed è molto utilizzata in Oriente per curare ferite, tagli, piccole ustioni e l'acne. È anche un espettorante naturale e può essere utile in caso di rinite, per sciogliere il catarro bronchiale e migliorare la respirazione.

La curcuma si usa per favorire la digestione e ridurre il gonfiore addominale. Il suo consumo, infatti, aumenta il flusso di bile ed altri succhi gastrici che contribuiscono a scomporre i grassi contenuti negli alimenti assunti, con effetti benefici sul fegato. È stata usata fin dall'antichità per curare dolori e disturbi gastrointestinali.

La curcuma è anche un buon alleato per i soggetti che soffrono di diabete, in quanto contribuisce a ridurre i livelli di glucosio nel sangue. È anche nota per le proprietà coleretiche e colagoghe, immunostimolanti ed eupeptiche.

Recenti studi di medicina moderna hanno rivelato le proprietà antitumorali della curcumina, che pare sia in grado di prevenire almeno otto forme tumorali, al colon, alla bocca, ai polmoni, al fegato, alla pelle (melanoma), ai reni, al seno e la leucemia. La curcumina è determinante nel trattamento farmacologico delle cellule tumorali resistenti alle normali terapie.

La quantità ideale di curcuma da assumere corrisponde a due cucchiaini al giorno, da aggiungere alle pietanze per insaporirle. Il modo più semplice di utilizzarla è in aggiunta all’olio di oliva come condimento o amalgamandola a salse, yogurt ed infusi.