Back to top

Come scegliere il condizionatore d’aria per la propria casa

Come scegliere il condizionatore per la propria casa: ecco alcuni consigli per selezionare quello più adatto, che costi meno e consumi poco


Come scegliere il condizionatore d’aria per rinfrescare la propria abitazione? I parametri a cui prestare attenzione sono diversi ma prendere la decisione giusta non è poi così complicato se si seguono alcune semplici direttive. L’obiettivo, ovviamente, è quello di compiere l’acquisto migliore nel rispetto del proprio budget (se n avete fissato uno), valutando le varie alternative tra il pagamento immediato, un finanziamento o la sempre più apprezzata modalità di pagamento a rate. Una premessa: il costo del dispositivo non deve essere visto come un parametro fondamentale poiché risparmiare per tecnologie obsolete o comunque non all’avanguardia significa anche accettare l’idea di pagare bollette energetiche più salate.

Come scegliere il condizionatore ideale: approfitta delle detrazioni

Prima di tutto bisogna cercare di capire che tipo di elettrodomestico acquistare. Cerchi un climatizzatore adatto per la stagione estiva o un dispositivo più completo in grado anche di riscaldare gli ambienti? Nel secondo caso è possibile ottenere detrazioni fiscali fino al 50% se si opta per una tecnologia a pompa di calore. Le detrazioni saranno però attive solo fino al 31 dicembre 2015, per dispositivi di classe A+ e A++, come previsto dalla Legge di Stabilità 2015.

Che tecnologia vuoi?

Seconda domanda: sei più orientato verso un climatizzatore fisso o uno portatile? Se hai dei dubbi, è bene ricordare che il condizionatore fisso ha un costo d’acquisto inferiore, ammortizzabile però grazie a consumi più bassi. Il condizionatore portatile permette di risparmiare sui costi di installazione e offre la possibilità di orientare la climatizzazione in base all’ambiente che si vuole rinfrescare. Da non trascurare che le apparecchiature portatili sono solitamente molto più rumorose di quelle fisse.

Inverter o tecnologia on/off? Scegliere il condizionatore non è certo una mera questione di prezzi. La tecnologia inverter è quella che consente di mantenere la temperatura dell’ambiente costante, risparmiando sui consumi ed evitando la fastidiosa altalena termica. Se però avete intenzione di installare il vostro dispositivo in un ambiente di passaggio, come ad esempio un corridoio collegato alle altre stanze, una soluzione on/off sarà più efficace, anche se con un dispendio di energia maggiore.

Una tecnologia che non dovrebbe mancare è il timer, che permette di regolare accensione e spegnimento del climatizzatore, ottimizzando i consumi e rendendo il proprio appartamento più confortevole.

Occhio ai consumi

Etichette energetiche e marchi di qualità sono indicazioni da seguire con estrema attenzione. La classe energetica di un elettrodomestico incide in modo significativo sui costi che dovremmo sostenere in bolletta. Le classi energetiche sono suddivise in un range compreso tra A++ e G, rispettivamente eccellente e scarso. Una tecnologia di ultima generazione costerà certamente di più, ma garantirà un rendimento migliore in termini di consumi. Ricercate dispositivi contrassegnati dal marchio di qualità e di sicurezza. Tra le etichette di garanzia più conosciute vi sono Eurovent, ISO9001, ISO14001, CE.