Back to top

Clima, da Stoccolma la prova definitiva delle responsabilità umane

clima

Se una prova serviva, è arrivata. Meglio ancora, è arrivato un intero rapporto, progettato e redatto dalla task force di scienziati più preparati sul tema. Il clima è cambiato e la colpa è dell'uomo.

Ad annunciarlo, e dimostrarlo, è il gruppo dell'Ipcc, riunitosi a Stoccolma proprio con lo scopo di trovare le prove dell'orgine antropica del cambiamento climatico, e sbatterle in faccia agli scettici e ai governi, visto che saranno loro a risolvere la situazione.

L'Ipcc era stato investito della maggiore autorità possibile, di modo che le sue conclusioni non potessero essere tacciate di parzialismi. L'Onu stessa si era fatta promotrice dell'iniziativa, in collaborazione con il Wwf.

Il lavoro è stato immenso. Sono state analizzate oltre 9.000 pubblicazioni sull'argomento. Sono intervenuti 209 scienziati e sono serviti 50 curatori per aiutare i partecipanti a redigere il testo. Buono anche il numero di nazioni rappresentata dall'Ipcc: 39 (su un 200 totali).

Rajendra Pachauri, presidente dell'Ipcc, ha passato subito la palla bollente ai Governi: sono loro che decideranno il destino del clima, gli scienziati possono solo fornire le analisi circa una data situazione. Ebbene, non si può dire che non l'abbiano fatto. Ora gli scettici non hanno più scuse, ci sono numeri ed evidenza di una parte consistente - e per quantità e per qualità - del mondo scientifico e accademico.

Per l'Italia, è Maria Cristina Facchini, Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Isac-Cnr) di Bologna, a tirare le conclusioni: "Il nuovo Rapporto conferma le tendenze sui cambiamenti climatici in atto. In particolare, mette in risalto l’aumento della temperatura dell’atmosfera e degli oceani, l’incremento del livello dei mari, cresciuti in media di 19 cm tra il 1901 e il 2010, e la diminuzione dell’estensione e del volume dei ghiacci terrestri, sia artici che antartici, riscontrati sin dal 1950. Per quanto riguarda le temperature atmosferiche ciascuno degli ultimi tre decenni è stato più caldo dei precedenti e il primo decennio del 21esimo secolo è stato il più caldo in assoluto dal 1850. Dall’inizio del secolo scorso, infatti, la temperatura media della Terra è cresciuta di 0.89 gradi Celsius".

Tags: