Back to top

Cina: arriva la stampante ad acqua

Category:
stampante ad acqua Mondoeco
Dalla Cina arriva l'idea ecologica di trasformare un documento digitale in cartaceo in modo economico ed ecologico, una rivoluzionaria proposta: la stampante ad acqua. Il progetto è stato elaborato dall’Università di Jilin, e pubblicata sulla prestigiosa rivista "Nature Communications", la stampante cinese funziona per mezzo dei normali meccanismi di una qualunque stampante a inchiostro, comprese le cartucce, ma è il liquido contenuto in esse a fare la differenza e anche la tipologia di carta utilizzata.

Una carta che si basa su di un innovativo procedimento chimico: carta con  superficie ricoperta da speciali molecole di scolorimento, che si attivano con al contatto con l’acqua, il contatto genera diverse tinte, a seconda della quantità di liquido utilizzato. Nella cartuccia viene immessa solo della semplice acqua di rubinetto, inoltre in questo modo la stampa potrà essere anche cancellata per riutilizzarne  i fogli all'infinito.

Sean Zhang, docente di chimica ed ex ricercatore di Hewlett-Packard ha cosi esposto le fasi del procedimento: "Stiamo utilizzando una stampante a getto d’inchiostro comune. Riempiamo le cartucce di acqua e le inseriamo nel dispositivo. È come una stampa normale. La magia è nella carta. Il sistema, ancora in fase di prototipo, riesce ora a riprodurre su fogli A4 caratteri cinesi e orientali di colore blu, magenta, oro e porpora. La sfida del futuro è riuscire a mescolare queste tinte, così da ottenere il nero e consentire la stampa fotografica, al momento non disponibile proprio perché i colori devono essere utilizzati l’uno indipendentemente dall’altro".

 Kira Barton, professore di ingegneria meccanica all’Università del Michigan ha invece cosi commentato il progetto cinese che sta risvegliando l'interesse in tutto il mondo:  "Indirizzarsi verso tecniche di stampa sostenibili è utile e benefico. Sarebbe interessante quantificare la qualità, la regolarità e la ripetibilità che si può ottenere prima di notare una degradazione di stampa. Per la stampa comune, credo sia un’idea interessante, qualcosa che vale certamente la pena di esplorare". 

Non ci resta che attendere che il prototipo venga perfezionato, tra qualche tempo forse vedremo questo tipo di stampante in vendita, come ulteriore sostegno alla lotta contro l'inquinamento.