Back to top

Cambia l’etichetta delle lampade a LED

lampade_a_ledPer favorire un miglior grado di informazione su provenienza, consumi ed efficienza, l’Europa ha introdotto obbligatoriamente dal primo settembre una nuova etichetta per tutte le lampade, anche quelle a LED, destinate all’illuminazione (non lucciole e simili quindi).

Si tratta di un provvedimento volto a migliorare la già attuale normativa, che prevede maggiore chiarezza per quel che riguarda la vendita e l’acquisto di lampadine, da fornire ai consumatori.

Secondo quanto stabilito, la nuova etichetta, che potrà essere applicata sul prodotto o direttamente nella confezione, conterrà in primo luogo le informazioni del produttore, ed il modello del prodotto stesso. Inoltre, dovrà contenere una scala, da A++ fino ad E, per quel che riguarda il consumo energetico (ovviamente più è vicino ad A, meno consuma il prodotto e viceversa). Fra le novità, anche un apposito bollino dell’Ecolabel, che appunto garantisce il ridotto impatto ambientale del prodotto, dal punto di vista energetico e qualitativo.

Quest’ultimo riconoscimento, disponibile per le sole aziende che hanno appunto ottenuto l’autorizzazione ad utilizzarlo, insieme alla nuova etichetta, dovrebbero rendere ancora più chiaro il mercato delle lampadine, anche a LED, ad oggi differenziate in innumerevoli forme e modelli, anche dalle diverse caratteristiche tecniche  e di consumo.

Una terza informazione disponibile, appositamente ben in vista, riguarderà anche il consumo ponderato annuale del prodotto, calcolato di norma su mille ore di utilizzo, che dovrà indicare appunto la quantità di kWh consumati, su questo particolare periodo di tempo, di norma associato alla durata media del prodotto.