Back to top

Calano gli investimenti nelle energie rinnovabili nel 2012

Battuta d'arresto per il mondo delle energie rinnovabili nel 2012. Gli investimenti nel settore, nel corso dell'anno, sono diminuiti in maniera sostanziale rispetto a quanto fatto registrare nel 2011.

Il calo registrato dalle rinnovabili è stato del -11%. Il motivo principale di questo forte passo indietro per l'energia pulita è da riscontrare principalmente nella crisi economica che ha spinto praticamente tutti i paesi principali investitori nel settore a tagliare i propri investimenti nel 2012. Il dato diventa ancora più allarmante se si considera l'Italia. Secondo quanto riferito da Bloomberg New Energy Finance, gli investimenti nelle rinnovabili nel nostro paese sono calati addirittura del 51%. L'Italia, nel 2012, ha investito un totale di 14.7 miliardi di dollari.

Tornando all'intero settore delle rinnovabili, a livello internazionale sono stati investiti nel 2012 268,7 miliardi di dollari, cifra notevole ma, come detto, leggermente inferiore rispetto a quanto fu investito nel corso del 2011, quando il totale degli investimenti toccò quota 302 miliardi di dollari. Da segnalare la crescita del mercato cinese, dove il capitale investito nel settore delle rinnovabili è cresciuto del 20% rispetto all'anno precedente. La Cina si conferma il secondo mercato delle energie rinnovabili, alle spalle solo degli Stati Uniti che, nel 2012, hanno però visto decrescere del 32% gli investimenti nella produzione di energie pulite.