Back to top

Bolletta luce fissa: convengono per davvero?

energiaLa bolletta della luce pesa troppo sul vostro bilancio? Niente paura: potete rivolgervi al cosiddetto Mercato Libero. Il risparmio assicurato è del 10%. Ma qualora non basti, e vogliate programmare in anticipo le spese, potete adottare il metodo delle tariffe a prezzo bloccato. Ecco un confronto tra le tariffe bloccate delle varie società distributrici di energia. Il termine di paragone è la tariffa a Maggiore Tutela, prevista dall'AEEG, con un consumo annuo di 2700 kwh, con una ripartizione abbastanza variegata del consumo: 60% durante il giorno, 40% durante la notte e durante il weekend. La Tariffa a Maggiore Tutela è la tariffa imposta a chi non è passata ancora al mercato libero e impone una spesa di 520 euro circa all'anno.

E-Light di Enel. E' una tariffa monoraria. Implica il pagamento di 465,91 euro, ponendo in essere un risparmio di 55,78 euro rispetto alla tariffa a Maggior Tutela.

Luce Zero Sorprese di Edison. Anche questa è una tariffa monoraria. La particolarità è che si basa sulla quantità di energia consumata all'anno dal contribuente. Se questa supera il consumo annuo stimato, la società avverte il contribuente e contratta con lui l'adeguamento della tariffa. Se invece la quantità di energia si rivela inferiore alla stima, la società rimborsa il contribuente. In genere, un contribuente che consuma annualmente 2100-2400 kwh paga 476 euro, con un risparmio di circa 40 euro sulla tariffa ordinaria.

E-Light Verde di Enel. Simile alla E-Light "classica". Le differenze stanno nell'utilizzo esclusivo delle rinnovabile e nei numeri leggermente diversi. Il risparmio è qui di 29 euro, la spesa di 492 euro.

Acea Rapida Luce. Tariffa anch'essa monoraria. Impone una spesa di 501 euro, dunque implica un risparmio di appena 20 euro.