Back to top

Blue economy: la nuova strategia dell'Unione Europea

Blue economy

L'Unione Europea è da sempre consapevole delle opportunità del mare e dei bacini naturali, ma da oggi lo è ancora di più: è stata varata una strategia Ue sulla Blue Economy. Blue Economy come volano di sviluppo quindi, come motore dell'economia e come patrimonio materiale e non materiale.

Secondo gli studi e le stime della Commissione Europea, la Blue Economy potrà portare ricchezza "a vagonate" per le comunità costiere dell'Europa. Si parla addirittura di 7 milioni di posti di lavoro entro il 2020.

La strategia, ad ogni modo, si focalizza sull'Oceano Atlantico. Le linee guida parlano dell'implementazione e dell'ottimizzazione delle attività di pesca, dell'acquocultura e, ovviamente, del turismo. Lo spirito è quello della sostenibilità, dunque ogni direttiva è stata pensata in modo tale da non far prefigurare nemmeno minimamente un danno all'ambiente.

Ogni paese ha già redatto in passato e per conto proprio una strategia marittima. La novità è la cooperazione a cui la strategia dell'Unione Europea vincola i paesi membri che si affacciano sull'Atlantico. Condivisione delle attività, laddove ciò si renda necessario, condivisione del know-how e quindi delle informazioni.

Ecco cosa si legge nella relazione della Commissione Europea: "L’Atlantico svolge un ruolo importante nella storia e nell’identità europea. La nostra strategia marittima per l’Atlantico esplorerà il suo immenso potenziale per il futuro sviluppo sostenibile dell’Europa. Insieme ai sei Stati membri dell’Atlantico sfrutteremo le sfide e le opportunità comuni che l’Atlantico ci offre, da questioni come il turismo costiero e la pesca alle energie rinnovabili, esplorazione dei fondali marini fino alla biotecnologia marina".

La strategia necessita di un ultimo step per essere realmente effettiva: deve essere approvata dal Consiglio e del Parlamento Europea. Non si intravedono ostacoli all'orizzonte, visto che l'iniziativa ha raccolto consensi tra i parlamenti e tra i consiglieri.