Back to top

Bioplastica: con Ford, i pomodori diventano parte dell'auto

Category:
foto-pomodoro
Colorati, morbidi e succosi, i pomodori sono fra le verdure più ambite in tavola della bella stagione – anche se non mancano mai durante tutto l'anno nelle nostre case – ma forse non tutti sanno, che i pomodori non sono solo appetitose verdure da mangiare crude o da preparare con sfiziose ricette, perchè i pomodori, o più precisamente le bucce di pomodoro sono preziose per ridurre l'impatto ambientale delle auto!
Si si avete capito bene, perchè dalle fibre del pomodoro, è possibile ricavare materiali sostenibili, da mettere a bordo dei veicoli!
Ebbene si, perchè proprio questa è l'intuizione innovativa avuta dalla Ford Motor Company, che grazie ad un accordo concluso con la H.J. Heinz Company, ha dato il via ad una importante operazione bioplastica, con la quale, ricaverà dagli scarti di lavorazione dei pomodori, materiali sostenibili da impiegare nella realizzazione di parti dei veicoli, come ad esempio le staffe di supporto dei cavi dell'impianto elettrico o i vani portaoggetti.
Un progetto con lo scopo di ridurre la quantità di materiali petrolchimici, necessari alla produzione delle auto e di ridurre di conseguenza l'impatto ambientale, come ha spiegato Ellen Lee, specialista tecnico di ricerca per le materie plastiche, della Ford Motor Company:
"Stiamo portando avanti la ricerca sui pomodori, per stabilire quanto i sottoprodotti dei procedimenti industriali per il trattamento del cibo possano trovare reale applicazione nel mondo dell'auto” ha spiegato e quindi ha proseguito quanto agli obbiettivi Ford “Il nostro obiettivo è quello di sviluppare un materiale resistente ma leggero, che abbia un impatto ambientale ridotto, nel rispetto dei nostri standard di produzione".
Quanto al lato pratico del progetto, va detto che le bucce, i gambi ed i semi delle 2 milioni di tonnellate di pomodori processate ogni anno per la produzione del ketchup, verranno essiccate e recuperate, onde ottenere materie plastiche vegetali sostenibili al 100%, onde realizzare elementi costruttivi minori dei veicoli Ford.
Un nuovo progetto in linea con l'ideologia Ford, che va detto – per chi non lo sapesse - non essere nuova a questo genere di iniziative, secondo gli obbiettivi del Brand automobilistico, da sempre impegnato nel riciclare, ridurre e riutilizzare materiali delle proprie vetture.
La Ford Motor Company ha infatti per esempio incrementato l'uso a bordo dei propri veicoli, di materiali riciclati e/o ricavati da fonti sostenibili, prediligendo materiali di origine vegetale, come ad esempio le fibre di cellulosa, usate a rinforzo per le consolle degli abitacoli, o ancora, il riso grezzo, impiegato nella creazione di staffe in plastica, e le fibre di cocco, cotone e soia, usate nella creazione dei tessuti.
Un nuovo progetto fiore all'occhiello della Ford Motor Company insomma, che si aggiunge ai numerosi successi della casa automobilistica, del quale indubbiamente sentiremo ancora parlare molto presto: non credete anche voi?