Back to top

Bill Gates vuole il reattore che mangia le scorie nucleari. Invenzione rivoluzionaria?

Category:
bill-gates

Bill Gates è l'uomo più ricco del mondo. Ma il portafoglio gonfio non è la sua unica qualità: è un filantropo, che ha abbandonato il suo ruolo operativo nella Microsoft e si sta dedicando alla beneficienza. Il concetto di beneficienza secondo Gates è, ovviamente, coerente alla sua storia e al suo vissuto. Si tratta di una beneficienza che "fa rima" con innovazione. E l'invenzione che ha in mente il mago dei computer rischia veramente di rivoluzionare il mondo. L'unico problema, putroppo fatale, è che costa veramente troppo: cinque miliardi di dollari.

L'invenzione è un reattore in grado di "funzionare" a scorie nucleari. Un reattore che letteralmente mangi le scorie e riesca a produrre l'energia. Un tale dispositivo risolverebbe due criticità: la difficoltà nell'occultare, conservare, smaltire i rifiuti generati dalle centrali nucleari; offrirebbe un modo pulito e "pulente" per la produzione di energia.

Bill Gates si è innamorato del progetto di una start up che, per prima, ha pensato al reattore mangia-scorie-nucleari. Il nome è Terra Power e ha urgente bisogno di finanziamenti. La realizzazione di un prototipo costa qualcosa come cinque miliardi di dollari. Bill Gates si sta spendendo in prima persona alla ricerca dei finanziamenti. La cifra, però, è davvero enorme e dunque il magnate sta addirittura pensando di rivolgersi alla Cina, l'unica delle grandi potenze ad avere una liquidità praticamente infinita.

In una recente intervista, Bill Gates ha spiegato perché tiene al progetto: "Se potessi scegliere di abbassare il prezzo di una sola cosa per ridurre la povertà, sceglierei l'energia. Energia e clima sono estremamente importanti per queste persone, è più importante per loro che per chiunque altro sul pianeta". E non c'è dubbio che tale reattore, funzionando grazie a una materiale di scarto putroppo inesauribile e abbondante, possa risultare decisivo ai fini di un abbassamento dei costi dell'energia a livello globale.