Back to top

Bacche di Goji: prezioso frutto orientale

Ricche di zinco, vitamina C e polisaccaridi bioattivi in grado di contrastare le malattie allergiche e le patologie degenerative, le bacche di Goji crescono spontaneamente nelle alte valli Himalayane, tra Tibet, Cina e Mongolia, ma si tratta di una specie che è stata introdotta e naturalizzata anche nel nostro continente.

Il sapore ricorda quello del mirtillo e si tratta di un frutto dalle potenti proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie e noto per la capacità di proteggere l’epidermide dall’azione aggressiva dei radicali liberi. Nelle bacche di Goji troviamo zinco, vitamina C e polisaccaridi bioattivi (LPB1, LPB2, LPB3, LPB4) in grado di stimolare il sistema immunitario e renderlo più abile nel riconoscere le cellule sane e quelle malate, prevenendo le patologie degenerative, come l'Alzheimer ed il cancro.

Le bacche di Goji contengono pigmenti dermoprotettivi e neurotonici, tra cui luteina, betacarotene e zeaxantina.

I polisaccaridi, congiuntamente alle fibre, possiedono anche un'ottima attività probiotica, stimolando lo sviluppo della flora batterica a livello intestinale ed il rafforzamento della parete intestinale, con una conseguente regolarizzazione della risposta immunitaria, utile nel contrastare le allergie.

Le bacche di Goji sono ricche di acidi grassi essenziali, importanti per la salute del cuore e per la circolazione.  

bacche di Goji

Le bacche di Goji sono ottime nell'insalata, con del riso integrale, spinaci, piselli, barbabietole, fagioli ed eventualmente del petto di pollo a cubetti. Si possono anche fare dei golosissimi frullati, con bacche di Goji, mirtilli, more, lamponi, ribes ed una mela, unitamente a del latte di soia o succo d’arancia ed una spolverata di cannella o di cacao. Si ottiene un frullato antiossidante naturale, ricco di vitamine e minerali, nonché delizioso.

Le bacche di Goji sono indicate anche per essere assunte come tisana, semplicemente aggiungendo una manciata di bacche all'acqua che bolle. Si lascia bollire per un paio di minuti ed eventualmente si aggiunge dello zucchero di canna.