Back to top

Auto elettriche, lo sbarco in Formula 1

formula-1-elettrica-auto

La mania delle auto elettriche, a quanto pare, rischia di diventare endemica. E' una buona notizia, visto le conseguenze positive in termini di salvaguardia dell'ambiente e le prospettive sul petrolio, ormai in via di esaurimento.

Fa comunque scalpore lo sbarco delle auto elettriche in Formula 1. Le monoposto elettriche sono pronte a rendere pan per foccaccia alle "colleghe" a benzina... Ma a distanza. Le due categorie, infatti, non gareggeranno assieme. Per la versione elettrica è pronto un campionato a sé stante: la Formula E (dove "e" sta per elettrica). Prenderà il via a settembre 2014. Intorno all'evento si sta addensando una grossa quantità di aspettative: la novità del motore elettrico introdurrà nuove dinamiche e stravolgerà tatticamente il concetto di corsa.

L'Italia giocherà un ruolo da protagonista nel campionato di Formula E. Roma figura tra le dieci piste, tutte ricavate da circuiti cittadini. Le altre città saranno Berlino, Bangkok, Pechino, Buenos Aires, Londra, Los Angeles, Miami, Putrajaya (Malesia), Rio de Janeiro. Ogni pista sarà lunga dai 2,2 ai 3,3 km, dunque avranno caratteristiche simili alle piste da Formula 1.

Molto nutrito anche il numero dei piloti e delle scuderie. Si parla già di 10 team e di 20 concorrenti, sebbene il numero - pare - sia destinato ad aumentare, seppur di poco.

La Formula E è in realtà una competizione monotipo: il veicolo utilizzato sarà lo stesso per tutti. Si tratta di una Spark-Renault SRT_01E  forte di una monoscocca in fibra di carbonio ed alluminio, quest'ultima realizzata dall'italiana Dallara. Il motore elettrico, la trasmissione e l'elettronica sono invece offerte dal McLaren Electronic System. La Williams Advanced Engineering, invece, offre le batterie, che avranno una potenza di 200 Kw. La Williams ha anche "appaltato" i sistemi di gestione.

Una novità consistente sarà il Pit-stop. Non servirà a cambiare le gomme o a riempire il serbatoio (che non c'è), bensì per cambiare direttamente autovettura. Ogni scuderia ha a disposizione quattro monoposto a gara.