Auto elettriche, la tecnologia aumenta le performance della batteria

Auto elettriche, la tecnologia aumenta le performance della batteria

1 Flares

1 Flares


×

auto elettr
Le auto elettriche permettono di abbattere costi di carburante ed Rca auto, nel prossimo futuro alimentare la batteria sarà più facile con le ricariche wireless

Tra carburante, pedaggi, parcheggi, bollo e polizza auto, si sa, gli automobilisti italiani spendono centinaia di euro l’anno per gestire il proprio veicolo e circolare in autonomia dentro e fuori città. Una delle voci di costo che incide maggiormente sul bilancio familiare è proprio quella relativa all’Rc auto, tuttavia alcune categorie di automobilisti hanno diritto ad agevolazioni sull’ammontare del premio assicurativo annuo, tra questi i proprietari di veicoli di interesse storico e vetture elettriche. Al fine di informarsi su tutte queste opportunità e selezionare il prodotto più adeguato alle necessità di ciascuno una valida possibilità consiste ne mettere le assicurazioni auto più convenienti del momento a confronto così da individuare con agevolezza la soluzione ideale.

Negli ultimi anni le auto elettriche si sono diffuse notevolmente, grazie anche alle misure adottate dal Governo per incrementare i punti di ricarica e le agevolazioni per coloro che scelgono una vettura green per mezzo del Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica. Al fine di ridurre l’inquinamento e le emissioni dannose, tuttavia, il successo delle automobili elettriche passa anche per le performance di questo tipo di veicoli.

Per persuadere ed attirare nuovi potenziali clienti, le case automobilistiche stanno lavorando al fine di migliorare le batterie ed i servizi a disposizione dei consumatori. Una maggiore autonomia dei veicoli ed agevolezza al momento della ricarica potrebbe spingere numerosi cittadini ad orientarsi verso un veicolo green. Nel giro di qualche anno, ad esempio, potrebbe essere introdotta la ricarica wireless per le auto elettriche. Il progetto mira a creare un sistema che consenta di effettuare ricariche senza contatto, il tutto funzionerà per mezzo di una bobina a induzione che genera un campo elettromagnetico alternato da una stazione base per la ricarica, mentre un’altra bobina a induzione, presente nell’auto elettrica, prende energia dal campo elettromagnetico convertendola in energia elettrica per la batteria.

Svariate aziende come Volvo Car Group, Bombardier Transportation e Van Hool si sono già riunite in un consorzio al fine di lavorare per questo obiettivo. Trasferire energia per mezzo di un campo elettromagnetico potrebbe essere una tecnologia con notevoli potenzialità. L’azienda Tdk ha già annunciato che, entro il 2018 potrebbe essere introdotto sul mercato, un sistema di ricarica induttiva per i veicoli. Questa tecnologia potrebbe essere utilizzata anche nei luoghi pubblici, ad esempio lungo le strade, al fine di agevolare gli automobilisti che vogliano effettuare ricariche comode e veloci lungo il tragitto.

Anche la casa automobilistica Toyota sta lavorando al fine di sperimentare l’introduzione di una tecnologia basata sulla risonanza magnetica. Sebbene i benefici per l’ambiente potrebbero essere notevoli e le auto elettriche privilegiate da un numero crescente di automobilisti, tuttavia, restano da verificare gli effetti dei campi magnetici sul corpo umano, ad oggi gli addetti ai lavori forniscono rassicurazioni e si dicono ottimisti.