Back to top

Auto elettriche in Italia: una soluzione ancora poco diffusa

 

Bene per il nord e il centro Italia, ma le auto elettriche in Italia sono ancora un fenomeno limitato e poco diffuso.

Le auto elettriche in Italia sono un fenomeno ancora poco diffuso e limitato solo ad alcune grandi città del nord e del centro Italia. I vantaggi per l’ambiente e i ridotti costi di gestione e manutenzione di questi veicoli sono ormai noti, ma nonostante questo gli automobilisti italiani continuano a prediligere le auto a benzina e a diesel. Tra le ultime iniziative a favore della mobilità green rientrano anche le agevolazioni sui costi delle polizze auto. Infatti molte compagnie assicurative propongono delle agevolazioni sulle polizze in grado di assicurare un risparmio pari al 30-50% rispetto all’importo previsto dalle normali formule assicurative.

Auto elettriche in Italia: un nuovo studio definisce il grado di diffusione

Per definire il grado di sviluppo delle auto elettriche in Italia, il Centro Studi Continental, in collaborazione con l’Aci, ha realizzato un interessante studio estendendo il monitoraggio del fenomeno all’intero territorio nazionale. Tra le finalità di questa iniziativa ci sarebbe anche la necessità di individuare quei punti critici che ostacolano la diffusione di queste vetture e l’elaborare delle soluzioni efficaci che possano aiutare il Paese a recuperare il profondo ritardo maturato rispetto alle altre nazioni europee, dove le auto elettriche rappresentano una realtà consolidata già da tempo.

I risultati della ricerca

I risultati della ricerca hanno evidenziato che le auto elettriche in Italia sono un fenomeno ancora acerbo e limitato solo alle grandi città del nord e del centro Italia. Il podio in questo caso spetta alla Capitale, dove circola quasi un quinto delle auto elettriche presenti in Italia. Con le sue 19.2% di vetture elettriche Roma è senza dubbio la città più green d’Italia. Seguono poi Milano (10,8%), Bolzano (6,1%), Trento (5,9%), Firenze (4,1%), Reggio Emilia e Torino (3,7%), Bologna (2,7%), Brescia (1,9%) e Palermo (1,8%), che rappresenta l’unica città del Sud.

Il Lazio domina anche nella classifica relativa delle Regioni, seguita al secondo posto dalla Lombardia (20,03%), con le altre posizioni occupate dal Trentino Alto Adige (12,04%), l’Emilia Romagna (9,71%) e la Toscana (7,06%). In coda si colloca invece il Molise con lo 0,03% delle auto elettriche in circolazione. I dati non lasciano dubbi, il fenomeno è ancora circoscritto a poche realtà metropolitane e registra un profondo ritardo nel Sud Italia.

Fattori critici

Lo studio ha permesso inoltre di evidenziare anche quei fattori che limitano la diffusione della mobilità green in Italia. Tra i motivi che sembrano disincentivare fortemente la diffusione delle auto elettriche ci sono i costi ancora troppo elevati e le scarse prestazioni di guida offerte da queste vetture, senza poi dimenticare la durata limitata delle batterie. Un fattore quest’ultimo aggravato anche dalla scarsa presenza di punti di ricarica, soprattutto sulle strade extra urbane a lunga percorrenza.

I dati hanno rivelato anche le ridotte dimensioni del parco circolante di auto elettriche sul territorio nazionale, appena 3.430 unità, rispetto ai 37 milioni di autovetture “tradizionali” in circolazione. Un dato allarmante che dovrebbe spingere le Istituzioni e tutti i soggetti ad intervenire e a concentrare gli sforzi e le risorse a disposizione nella risoluzione immediata di questi problemi e con maggiori iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica.