Back to top

Auto elettriche, ecco i vantaggi per il portafogli

1011569_10151852524963257_688722911_n

Le auto elettriche stentano ad affermarsi nel nostro paese. E' inevitabile, però, una lenta ma inesorabile crescita del numero dei veicoli a motore elettrico. La benzina è infatti un bene in via di estinzione, anche se non tutti gli studiosi sono concordi sulla date di "scadenza". Ad ogni modo, utilizzare fin da ora le auto elettriche è un atto eticamente doveroso nei confronti dell'ambiente e anche utile sul piano personale ed economico. I costi di mantenimento delle auto elettriche sono assai più contenuto rispetto a quelli delle controparti a benzina.

Un pieno di benzina cosa oggi tantissimo, in media 80 euro. Con questo denaro ci si finanzia, all'incirca, un tragitto di 700 km. Per le auto elettriche i numeri sono nettamente diversi. Si parla di 3 euro per 100 km, quindi gli 80 euro dei veicoli tradizionali si riducono a 21. Alcuni detrattori affermano che le auto elettriche sono scomode a causa dei tempi di ricarica. In verità, per ricaricare occorrono circa 8 ore, un tempo non lontanissimo da quello che impiega un pc, e comunque abbastanza ammortizzabile. La quantità di energie richiesta non è nemmeno così assurda come si pensa, in genere un auto elettrica richiede la quantità di energia che richiedono quattro tv al plasma messe assieme.

Le batterie delle auto elettriche non soffrono dell'effetto memoria. Si può ricaricare all'ora che si vuole, anche se è meglio ricaricare di notte poiché il picco scende e l'energia costa mediamente di meno. Inoltre, proprio come qualsiasi dispositivo, i veicoli non consumano energia a motore spento.

Le auto elettriche rappresentano alternative migliri rispetto alle auto termiche. L'efficienza di quest'ultima è circa del 20%, mentre quella delle auto elettriche superano anche l'80%. Il restante 20% viene "perso" nella trasformazione dell'energia in "carburante".