Back to top

Auto elettriche: benefiche per combattere l'ansia

“Lohner-Porsche” elettrica  all’Esposizione Mondiale di Parigi del 1900. “Lohner-Porsche” elettrica all’Esposizione Mondiale di Parigi del 1900.

I grandi vantaggi e le potenzialità delle auto elettriche ormai sono stati decantati su migliaia di magazine e riviste specializzate; di certo qualche problematica possono presentarla anche queste nuove vetture ecologiche; ai primi del '900 le prime auto elettriche erano in pratica le uniche auto esistenti,   non tutti sanno che l'auto elettrica a batteria fu una tra i primi tipi di automobile ad essere inventata, sperimentata e commercializzata., all'incirca tra il 1832 ed il 1839; poi subentrò forse la problematica della scarsa autonomia e i disagi legati alla ricarica, ai tempi lunghi che penalizzavano la scioltezza degli spostamenti e della velocità di crociera.

[adrotate banner="16"]

Cosi apparvero  i primi motori a scoppio, e con l'avvento delle auto a benzina quelle elettriche scomparvero, ora l'uomo si è accorto di quanto quell'invenzione che velocizzava e migliorava i tempi della mobilità negli spostamenti abbia irrimediabilmente deteriorato la qualità della vita sulla Terra grazie a un inquinamento cosi forte da mettere in pericolo la salute di tutti.

Le auto elettriche rivalutate e messe di nuovo in gioco hanno il grande vantaggio; (appurato da vari eventi) di avere anche un impatto benefico sugli stati d'ansia degli occupanti della vettura e del guidatore, forse perchè l'assenza del carburante sull'auto da un senso di sicurezza maggiore, va da sè che per gli ansiosi al contrario, cioè quelli che temono di rimanere a piedi con l'auto "scarica" esistono i modelli "misti" con la possibilità di viaggiare anche a benzina; ma è auspicabile per la situazione ambientale augurarci che le auto a benzina scompaiano come nel 1900 furono accantonate quelle elettriche.


Thomas Edison mostra la sua Detroit Electric 1913 (foto del National Museum of American History) Thomas Edison mostra la sua Detroit Electric 1913
(foto del National Museum of American History)