Back to top

Auto a metano e gpl: come richiedere gli incentivi statali

Anche per l'anno 2012 lo Stato ha deciso di "dare una mano" a quanti sono intenzionati a trasformazre la propria auto in un veicolo a doppia alimentazione, ovvero benzina/gpl o benzina/metano, attraverso l'erogazione di un ecoincentivo.

Un aiuto economico, dunque, per tutti i possessori di auto, che, non potendo sostituirla con un nuovo acquisto, desiderano ottimizzare le spese di carburante e dare il proprio contributo per un ambiente più sano.

I soldi disponibili sono ancora circa 2 milioni di euro, non tantissimi in verità e che entro la fine dell'anno saranno certamente terminati; occorre per questo affrettarsi, visto che già dallo scorso 1° marzo è iniziata la prenotazione degli impianti in questione, per via telematica, presso l'officina a cui ci si rivolge e che aderisce all'iniziativa.

In effetti il contributo economico previsto, che per l'impianto a gpl ammonta a 550 euro e per quello a metano a 650,00 euro, viene anticipato dall'installatore, a sua volta rimborsato dallo Stato, attraverso l'  (iniziativa carburanti a basso impatto ambientale).

Chi può beneficiare di tali ecoincentivi? i privati e le aziende che risiedono o hanno sede nei Comuni convenzionati con l'ICBI ed in possesso di un veicolo euro 2 o euro 3, immatricolato dopo il 1° gennaio 2007.