Back to top

Architettura ecosostenibile: il casinò di Saint-Vincent

 

Edilizia sostenibile, riqualificazione energetica e costruzioni a basso impatto ambientale: il caso del casinò di Saint-Vincent

 

Coniugare funzionalità, senso estetico e sostenibilità ambientale è una delle sfide più grandi del nostro tempo. Edificare strutture a basso impatto ambientale secondo i più moderni standard dell’architettura ecosostenibile, tuttavia, si rivela una prassi indispensabile sia nell’ambito dei contesti urbani, che nel caso degli edifici sorti nelle aree di rilevanza paesaggistica.

 

É il caso del noto casinò di Saint Vincent, realizzato grazie al lavoro dell’architetto di fama internazionale Piero Lissoni conosciuto in tutta Europa e nel mondo per la realizzazione di strutture di lusso come l’Hotel Monaco & Grand Canal a Venezia, l’Hotel Al Porto sul lago di Zurigo, il Bentley Hotel Design di Istanbul ed il Mitsui Garden Ginza Hotel di Tokyo.

 

La passione per il gambling e le sale da gioco negli ultimi anni si è fatta sempre più comune: concedersi qualche ora sui portali di gioco online certificati come Unibet consente di divertirsi con slot machine, roulette, giochi da tavolo e scommesse sportive.

 

In linea con tale tendenza sono milioni i turisti che ogni anno si concedono qualche ora nell’ambito di una prestigiosa sala da gioco per sfidare la sorte e misurare la propria abilità nel poker o nello chémin de fer.

 

Coloro che sono alla ricerca di una gradevole e rilassante destinazione per le prossime ferie possono optare per una visita al nuovo Casino de la Vallée. Il Saint-Vincent è stato pensato al fine di garantire il massimo comfort ai suoi ospiti: il design minimale ed elegante garantisce l’armonia degli ambienti. Al pari delle sale destinate al gioco anche il centro congressi è stato pensato e realizzato nell’ottica dell’efficientamento energetico e della riqualificazione edilizia.

 

Nell’ambito del progetto del Saint-Vincent Resort & Casino particolare attenzione è stata riservata a fattori come la selezione dei materiali coibentanti e l’illuminazione a led. Fondamentale però è stata la realizzazione della centrale termica per la cogenerazione di energia, in sostituzione delle vecchie centrali a gasolio. Tale investimento si è rivelato essenziale per la riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti quantificabili intorno al 30% l’anno, ovvero circa 700mila euro.

 

Al fine di giocare in sicurezza suggeriamo di affidarsi solo a portali sicuri

 

verificando che dispongano della licenza di gioco rilasciata dall’Aams – l’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato.