Back to top

Amabile green: la prima birra a emissioni ridotte di anidride carbonica, che fa bene all’ambiente

foto-birra
Splendide novità per gli amanti della birra, che sono particolarmente attenti ai problemi dell'ambiente e della natura, perchè dal famoso brandBirra Castello S.p.A.” - rinomato per la sua "birra senza una storia" - come recita la pubblicità - è nata Amabile green, la prima birra ad emissioni ridotte di anidride carbonica.
Una nuova rivoluzione green in campo dell'alimentazione, nata grazie alla collaborazione con Gruppo Rem ed il Ministero dell’Ambiente, inserita nella nuova linea, che oltre alle quattro nuove declinazioni Amabile, Forte, Intensa e Delicata, che vogliono enfatizzare il concetto di gusto italiano, presenta Amabile green, il primo prodotto a emissioni di anidride carbonica ridotte ed in futuro compensate!
Una vera e propria rivoluzione nata con l'intento di indirizzare la politica ambientale verso il settore climatico, attraverso iniziative ed impegni in linea con le politiche governative nell’ambito del famoso “Protocollo di Kyoto” e del pacchetto “Clima-Energia” dell’Unione europea, come spiega il presidente di Birra Castello S.p.A., Paolo Trussoni:
Ci siamo impegnati con il Ministero perché vogliamo rispondere alla sempre più crescente sensibilità dei consumatori verso il valore ambientale delle proprie scelte” quindi sottolinea “anche perché ci siamo resi conto di quanto il rispetto dell’ambiente sia un fattore sempre più importante e di competitività”.
Una rivoluzione ed un programma che vede il marchio “Birra Castello S.p.A”, nato nel 1997 da un percorso di valutazione della propria “Carbon Footprint” e delle misure per ridurla; un'ideologia nella quale l’azienda crede molto, tanto che è già stato esteso alla bottiglia di Birra Castello Premium 33 cl ed alla linea di Castello Amabile in bottiglia di vetro da 50 cl e da 25 cl, grazie anche alla collaborazione con la prestigiosa agenzia di comunicazione Gruppo Rem, leader nel campo della green consultancy.
Una produzione quella del "Gruppo Birra Castello S.p.A” che nel 2013 ha raggiunto i 1.277 ettolitri nel mercato nazionale ed in numerosi mercati esteri coi marchi Birra Castello, Dolomiti, Superior e Pedavena, nel canale Horeca e nella GDO, Birra Castello S.p.A., con un fatturato di 102.500,00 milioni di euro, che la pone al terzo posto quale produttore a livello italiano e che conferma una crescita a doppia cifra sia a valore che a volume, distinguendosi nel mercato.
Un successo ottenuto anche grazie e soprattutto alle scelte di natura ambientale, che hanno visto il potenziamento della logistica su treno, onde ridurre le emissioni di CO2, grazie ad un accordo col Ministero dell’Ambiente e ad un importante progetto di tracciabilità del malto 100% italiano, nel rispetto del consumatore e dell’ambiente.
Un successo quello del Gruppo “Birra Castello S.p.A” che con la nuova linea composta da Amabile, Forte, Intensa e Delicata nel formato da 50 cl, è destinato a consolidarsi portando una vera e propria rivoluzione nella categoria delle birre, grazie in particolare proprio alla Amabile green, dedicata in particolare alle quote rosa, in forte aumento nel consumo di birra e per questo disponibile nel formato da 25 cl in cluster da 6, come sottolinea Eliano Verardo, Ad di Birra Castello S.p.A.:.
“L’azienda sta crescendo molto anche grazie ai suoi innovativi progetti, tutti in linea con le tendenze del mercato e le esigenze del suo consumatore.” quindi sottolinea “I recenti investimenti intrapresi nello sviluppo della nuova linea di prodotti, nella tracciabilità e nelle politiche ambientali, costituiscono passi importanti che ci hanno permesso di rinnovarci sotto diversi aspetti e di investire su un futuro costruito sull’italianità e sull’ambiente in cui è siamo inseriti”.