Back to top

A Stoccolma un grattacielo in legno di 34 piani, il più alto della storia

Category:
grattacielo in legno di 34 piani

Sostenibilità ambientale e attenzione verso le tematiche green sono i concetti chiave intorno a cui sta prendendo forma una delle più significative rivoluzioni della nostra epoca, segnata da quello che si potrebbe definire un tentativo di ritorno alla natura. I riflessi sono evidenti in ogni aspetto della vita quotidiana (dalle scelte in fatto di alimentazione al boom delle energie rinnovabili) e coinvolgono anche il settore delle costruzioni: il futuro sembra sempre più orientato verso la bioedilizia, con la progettazione di edifici pensati per integrarsi in maniera non traumatica nell'ambiente circostante. 

 

Realizzate con materiali naturali, le case in bioedilizia si candidano a conquistare lo spazio urbano: la prova che si tratta di un modello vincente arriva da Stoccolma, dove è stato progettato il Wooden skyscraper, il grattacielo in legno più alto del mondo. Con la sua originale struttura esterna a gradoni, su cui trovano posto giardini pensili, l'edificio si svilupperà su 34 piani: una sorta di totem a testimoniare che la bioedilizia non teme neppure la sfida dell'altezza. 

 

Il Wooden skyscraper si reggerà su una struttura fatta di pilastri e travi in legno massello, e lo stesso materiale verrà impiegato anche per gli interni, in pareti, soffitti e infissi. Fra i punti di forza l'efficienza energetica, con un sistema di recupero delle acque piovane, pannelli solari installati sul tetto e – per ogni appartamento – verande vetrate che migliorano l'isolamento termico. 

 

A ciò si aggiungono le ben note caratteristiche antisismiche delle case in legno, che nonostante i luoghi comuni si confermano sicure anche in caso di incendio: in particolare, il legno utilizzato per la costruzione del Wooden skyscraper è composto per il 15% d'acqua, che evaporando a contatto con le fiamme consente alla struttura di resistere a lungo al fuoco.

 

Tecnologia e architettura camminano insieme verso l'ecosostenibilità: la città del futuro nasce da qui.