Back to top

900 milioni di contributi per le rinnovabili termiche

Pioggia di incentivi per i pannelli solari termici, caldaie a biomasse e tutte le forme di energia pulita, ad esclusione del fotovoltaico. Sono stimati in 900 milioni di euro, i  contributi disponili per privati e pubbliche amministrazioni, come pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.


Oltre 700 milioni per i privati cittadini e 200 milioni per i progetti presentati dalle pubbliche amministrazioni. Il click-day non è ancora stato fissato ufficialmente anche se dopo la pubblicazione, si può stimare che le domande dovranno essere inviate al sito del Gestore servizi elettrici, Gse, al massimo entro il mese di febbraio. Per tutti i privati, gli interventi incentivati riguardano soprattutto gli impianti domestici di piccola dimensione: tra le categorie accettate, la sostituzione delle vecchie caldaie con impianti a pompe di calore a energia aerotermica, ma anche  geotermica o idrotermica ed il cambiamento da scaldabagni elettrici a quelli a pompa di calore. I contributi riguarderanno anche l'installazione dei pannelli solari termici per l'acqua calda.


Per le pubbliche amministrazioni, invece, l'incentivo andrà a coprire le spese per l'isolamento di pavimenti, pareti e tetti. E' così che privati e pubblica amministrazione saranno destinatari di questi contributi e potranno ottenere il rimborso massimo del 40% delle spese. Ma non solo. Fino alla data del 30 giugno 2013, il nuovo conto termico avrà una detrazione fiscale del 55%, un altro buon motivo per scegliere le rinnovabili.